Plinio consulta l'imperatore Traiano - Plinio il giovane

Plinio consulta l'imperatore Traiano Versione latino Plinio il Giovane

Rogo, domine, consilio me regas haesitantem, utrum per publicos civitatium servos, quod usque adhuc factum, an per milites adservare custodias debeam.

Vereor enim, ne et per servos publicos parum fideliter custodiantur et non exiguum militum numerum haec cura distringat.

Interim publicis servis paucos milites addidi.

Video tamen periculum esse, ne id ipsum utrisque neglegentiae causa sit, dum communem culpam hi in illos, illi in hos regere posse confidunt. Caio Plinio all’imperatore Traiano.

Prego, signore, che tu mi guida con un consiglio liberamdomi dall’incertezza, se tramite pubblici servi delle città, come finora fatto, o tramite soldati debba sorvegliare i prigionieri.

Temo infatti che, sia tramite servi pubblici siano sorvegliati con poca sicurezza, sia questo compito tenga veramente occupato un esiguo numero di soldati.

Pertanto ai pubblici servi ho aggiunto pochi soldati.

Tuttavia noto che ci sia un pericolo, affinché proprio questo non sia motivo di negligenza di entrambi, mentre questi confidano di poter regolare la comune trascuratezza in quelli, quelli in questi.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 07:59:04