Un principe eccezionale

Plinio il Giovane Contextere verba
Inizio: Quod praestabilius est aut pulchrius munus deorum quam... Fine: ...digna senatu, digna principe sit oratio mea.

Quale dono degli dèi è più eccelso e più bello che un principe casto e santo e a loro somigliantissimo? Infatti non per la forza occulta dei fati, ma dallo stesso Giove, palesemente e sotto gli occhi di tutti, è stato ritrovato fra le are e gli altari e nel tempio di Giove è stato scelto, in modo tale che amministrasse il poster con forza e saggezza.

Dunque è convenevole e pio pregare te, Giove ottimo, fondatore un tempo e ora conservatore del nostro impero, perché sia il mio discorso sia degno di un console, degno del senato, degno del principe.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 07:58:54