Una tomba in abbandono - Plinio il Giovane

Una tomba in abbandono Plinio il Giovane

Cum venissem in socrus meae villam Alsiensem, quae aliquamdiu Rufi Vergini fuit, ipse mihi locus optimi illius et maximi viri desiderium non sine dolore renovavit.

Hunc enim colere secessum atque etiam senectutis suae nidulum vocare consueverat. Quocumque me contulissem, illum animus illum oculi requirebant. Libuit etiam monimentum eius videre, et vidisse paenituit. Est enim adhuc imperfectum, nec difficultas operis in causa, modici ac potius exigui, sed inertia eius cui cura mandata est.

Subit indignatio cum miseratione, post decimum mortis annum reliquias neglectumque cinerem sine titulo sine nomine iacere, cuius memoria orbem terrarum gloria pervagetur. At ille mandaverat caveratque, ut divinum illud et immortale factum versibus inscriberetur: Hic situs est Rufus, pulso qui Vindice quondam imperium asseruit non sibi sed patriae.

Tam rara in amicitiis fides, tam parata oblivio mortuorum, ut ipsi nobis debeamus etiam conditoria exstruere omniaque heredum officia praesumere. Nam cui non est verendum, quod videmus accidisse Verginio?

Quando giunsi alla villa di Alsio della mia suocera, che un tempo fu di Virginio Rufo, il luogo stesso rinnovò con vivo dolore nel mio animo la nostalgia di quell'eccellente e grandissimo uomo.

Infatti era solito abitare in questo luogo appartato e anche definirlo piccolo rifugio della sua vecchiaia. Ovunque mi recassi, l'animo, gli occhi lo ricercavano. Decisi di vedere la sua tomba, e mi pentii. Infatti è ancora incompleta, e non per le difficoltà dell'opera, ma per la sua pigrizia Si insinua indignazione mista a pietà, nel vedere che, dieci anni dopo la morte, i resti e le ceneri neglette giacciono senza lapide, senza nome, il suo ricordo però vega per tutta la terra con gloria.

Ma quello aveva ordinato e disposto che venisse iscritta quell'impresa divina e immortale: Qui è sepolto Rufo, che colpito una volta da Vindice, rivendicà il potere non per sè ma per la patria.

Sono così rari i fedeli amici, sono così presto dimenticati gli estinti, che noi stessi dobbiamo costruirci l'avello, ed adempiere a tutti gli obblighi degli eredi. Infatti, chi non deve temer per sé ciò, che vediamo accaduto a Virginio?

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-08-10 07:59:03