Polibio, Storie XII, 25b - 25c

Ό δέ καί τούς ρηθέντας λόγους καί τήν αιτίαν παρασιωπῶν, ψευδή δ’ άντί τούτων επιχειρήματα και διεξοδικούς λέγων λόγους, αναιρεί τό τῆς ιστορίας ίδιον· ὂ μάλι-στα ποιεῖ Τίμαιος· και διότι τούτου τοΰ γένους έστί πλήρη τά βυβλία παρ’ αύτῷ, πάντες γινώσκομεν. Ίσως δ’ οΰν ἃν τις έναπορήσειε πῶς τοιοῦτος ὣν οἶον ήμεῖς ύποδείκνυμεν τοιαύτης παρ’ ένίοις άποδοχῆς τέτευχε καί πίστεως. Τούτου δ’ έστίν αίτιον διότι πλεοναζούσης αύτῷ κατά τήν πραγματείαν τῆς κατά τῶν ἃλλων έπιτιμήσεως καί λοιδορίας ούκ έκ τῆς αύτοῦ θεωρείται πραγματείας ούδ’ έκ τῶν ιδίων αποφάσεων, άλλ’ έκ τῆς τῶν πέλας κατηγορίας, πρός ὂ γένος καί πολυπραγ-μοσύνην δοκεῖ μοι καί φύσιν προσενέγκασθαι διαφέρουσαν· παραπλήσιον γάρ δή τι τοιοῦτο συμβέβηκε καί Στράτωνι τῷ φυσικῷ· καί γάρ έκεῖνος ὂταν εγχείρηση τάς τῶν ἃλλων δόξας διαστέλλεσθαι καί ψευδοποιεῖν, θαυμάσιος έστιν· ὂταν δ’ έξ αύτοῦ τι προφέρηται καί τι τῶν ιδίων επινοημάτων έξηγῆται, παρά πολύ φαίνεται τοῖς έπιστήμοσιν εύηθέστερος αύτοῦ καί νωθρότερος.

Καί μοι δοκεῖ παντάπασιν ὂμοιόν τι γίνεσθαι περί τούς γράφοντας τῷ περί τόν ὂλον ήμῶν βίον συμβαίνοντι· καί γάρ έν τούτῷ τό μέν έπιτιμήσαι τοῖς πέλας έστί ρᾲδιον, τό δ’ αύτόν άναμάρτητον παρέχεσθαι χαλεπόν, καί σχεδόν ώς ἒπος είπεῖν ἳδοι τις ἃν τούς προχειρότατα τοῖς πέλας έπιτιμῶντας πλεῖστα περί τόν ίδιον βίον άμαρτάνοντας.

Chi passa invece sotto silenzio i discorsi pronunciati e il motivo, raccontando in cambio di questi false argomentazioni e particolareggiate narrazioni, toglie ciò che è proprio della storia: ciò che particolarmente fa Timeo; anche perché i libri di costui sono piene di simili cose, come tutti sappiamo.

Qualcuno forse si chiederà come mai uno scrittore quale quello che ora sto descrivendo, abbia, per alcuni, ottenuto tanto favore e fiducia. Il motivo di ciò consiste nel fatto che, poiché nella sua opera sovrabbondano le accuse e gli insulti contro gli altri, egli non viene giudicato in base alla sua opera, né delle sue affermazioni, ma delle accuse che muove agli altri, un genere nel quale a me sembra abbia dimostrato un impegno e talento eccezionale;

Qualcosa del genere è capitata a Stratone il Fisico: infatti costui, quando si mette a fare distinzioni e a confutare le opinioni degli altri, è straordinario; quando invece propone qualcosa di suo e spiega qualche concezione personale suscita negli esperti di essere molto più sciocco e pittosto ottuso di quanto non sia.

E a me sembra, riguardo agli scrittori succede qualcosa del tutto simile a quanto avviene nella nostra vita di ogni giorno: anche qui è facile biasimare gli altri, mentre riesce difficile per parte propria, mostrarsi irreprensibile e si potrebbe quasi toccare, per così dire, con mano come coloro che sono i più corrivi a biasimare gli altri, risultino poi quelli che nella propria vita personale sbagliano maggiormente.

release check: 2020-08-25 00:55:01 - flow version _RPTC_G1.1