Marcello conquista Siracusa - Versione greco da Ellenisti

Marcello conquista Siracusa
VERSIONE DI GRECO DI POLIENO
TRADUZIONE dal libro Ellenisti

Marcello, mentre assediava Siracusa, essendo sconfitto dalle macchine da guerra di Archimede, non si faceva più coraggio per assediare le mura.

Allora capì dopo molto tempo di essere contro la torre del prigioniero essendo protetto negligentemente dal muro.

Allora Marcello costruisce una scala proporzionata all'altezza della torre; i Siracusani, facendo una festa per Artemide ed essendo ubriachi e scherzosi, occupano prima dell'alba la torre e Siracusa.

I soldati avevano combattuto, e anche per questo motivo dopo la vittoria saccheggiarono Siracusa; Marcello non da, eccetto del denaro agli schiavi che l'avevano soccorso, ma ordina di non fare danni al tempio e ai corpi.

traduzione n. 2

Marcello, assediando Siracusa, essendo sconfitto dalle macchine da guerra di Archimede, non si faceva più coraggio assediando le mura. Allora capì dopo molto tempo di essere contro la torre del prigioniero essendo protetto negligentemente dal muro. Allora Marcello prepara una scala proporzionata all'altezza della torre; i Siracusani, facendo una festa per Artemide ed essendo ubriachi e scherzosi, occupano òa torre e Siracusa priima dell'alba. I nobili soldati avevano combattuto, e anche per questo motivo dopo la vittoria saccheggiarono Siracusa; Marcello non dona, eccetto che del denaro agli schiavi che l'avevano soccorso, ma ordina di non fare danni al tempio e alla libertà dei corpi.

Traduzione n. 3

Marcello, che stava assediando Siracusa, poiché veniva battuto dalle invenzioni di Archimede, non arrischiava più di attaccare le mura, e affidò l'assedio al tempo. E dopo molto tempo, avendo preso come prigioniero lo spartano di Siracusa Damippo, da questo apprese che c'era una torre delle mura che veniva sorvegliata senza particolare cura, che poteva accogliere numerosi uomini, perché il muro era scalabile. Marcello allora, avendo apprestato scale adatte alla sua altezza, mentre i Siracusani celebravano una festa in onore di Artemide e si trovavano in ebbrezza e nei divertimenti, occupò la torre, riempì di armi il muro tutto intorno e verso l'alba, abbattute le Essapile, si impadronì della città. I soldati, che avevano valorosamente combattuto, chiesero il saccheggio della città; ma Marcello non lo concesse, perché aveva ordinato di fare saccheggio solo di schiavi e ricchezze, ma di astenersi dai templi e dalle persone libere

Qui trovi Marcello conquista Siracusa da Plutarco Libro Mythos

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-09-17 00:28:36 - flow version _RPTC_G1.1