Virgilio Bucoliche I 26 - 39

MELIBOEUS: Et quae tanta fuit Romam tibi causa videndi? TITYRUS: Libertas, quae sera tamen respexit inertem, candidior postquam tondenti...

MELIBEO: E quale ragione così importante avesti di visitare Roma? TITIRO: La libertà, che, benché tarda, si volse a guardare me rassegnato, quando già la barba mi cadeva più bianca a tagliarla, tuttavia si volse e venne dopo lungo tempo, dopo che Amarillide mi possiede, e Galatea mi ha abbandonato.

Infatti - insomma, lo confesserò- per tutto il tempo che Galatea mi possedeva, né v'era speranza di libertà né cura del patrimonio.

Per quanto uscissero molte vittime dai miei recinti, e fosse prodotto grasso formaggio per la città ingrata, mai carica di denaro mi tornava a casa la destra MELIBEO: Mi chiedevo con meraviglia per quale ragione, Amarillide, invocassi mesta gli dei, per chi lasciassi pendere sul loro albero i frutti;

Titiro era lontano da qui. Te gli stessi pini, o Titiro, te le stesse fonti, questi stessi arbusti invocavano.

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:36:45 - flow version _RPTC_G1.3