Incipit Eneide di Virgilo

INCIPIT DELL'ENEIDE
LATINO E TRADUZIONE VIRGILIO

Arma virumque cano, Troiae qui primus ab oris Italiam fato profugus Laviniaque venit litora, multum ille et terris iactatus et alto vi...

Canto le armi e l’uomo che per primo dai lidi di Troia
venne profugo in Italia per fato e sui litorali lavini
molto quello travagliato e per terra e per mare
dalla forza degli dei, a causa dell’ira memore della cattiva Giunone
molto patì anche in guerra, finchè fondò una città
e portò nel Lazio gli dei– da cui (ebbero origine)

la razza latina
i padri albani e le mura della superba (alta) Roma
Musa, ricordami le cause, per quale offesa al nume, per che cosa la dolente regina
degli dei costrinse un uomo insigne per pietà a soffrire così
e a sopportare tali fatiche
Di tanta ira sono capaci i celesti?

Metrica, figure retoriche etc le trovi qui

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:36:45 - flow version _RPTC_G1.3