Contro Afobo 2 - testo greco e traduzione

[2] Οἶδα μὲν οὖν, ὦ ἄνδρες δικασταί, ὅτι πρὸς ἄνδρας καὶ λέγειν ἱκανοὺς, καὶ παρασκευάσασθαι δυναμένους, χαλεπόν ἐστιν εἰς ἀγῶνα καθίστασθαι περὶ τῶν ὄντων, ἁπάντων ἄπειρον ὄντα παντάπασι πραγμάτων διὰ τὴν ἡλικίαν· ὅμως δέ, καίπερ πολὺ τούτων καταδεέστερος ὤν, πολλὰς ἐλπίδας ἔχω καὶ παρ' ὑμῖν τεύξεσθαι τῶν δικαίων, καὶ μέχρι γε τοῦ τὰ γεγενημένα διεξελθεῖν καὶ αὐτὸς ἀρκούντως ἐρεῖν, ὥσθ' ὑμᾶς, μήτ' ἀπολειφθῆναι τῶν πραγμάτων μηδὲ καθ' ἓν, μήτ' ἀγνοῆσαι περὶ ὧν δεήσει τὴν ψῆφον ἐνεγκεῖν.

Non vogliate o Giudici immergerci in questo abisso di calamità: sia di me e della madre e della sorella vi interessi, desolata e bersagliata famiglia, che il padre morendo lasciò a ben diverse speranze.

Infatti la figlia lui pensava che con la dote di due talenti sarebbe stata sposa di Demofonte: la vedova con ottanta mine, accasata a quest'altro, il più triste e disumano degli uomini.

release check: 2020-07-14 07:49:52 - flow version _EXTP_H1