Demostene, Olintiaca 1.2

ὁ μὲν οὖν παρὼν καιρός, ὦ ἄνδρες Ἀθηναῖοι, μόνον οὐχὶ λέγει φωνὴν ἀφιεὶς ὅτι τῶν πραγμάτων ὑμῖν ἐκείνων αὐτοῖς ἀντιληπτέον ἐστίν, εἴπερ ὑπὲρ σωτηρίας αὐτῶν φροντίζετε· ἡμεῖς δ᾽ οὐκ οἶδ᾽ ὅντινά μοι δοκοῦμεν ἔχειν τρόπον πρὸς αὐτά.

ἔστι δὴ τά γ᾽ ἐμοὶ δοκοῦντα, ψηφίσασθαι μὲν ἤδη τὴν βοήθειαν, καὶ παρασκευάσασθαι τὴν ταχίστην ὅπως ἐνθένδε βοηθήσετε (καὶ μὴ πάθητε ταὐτὸν ὅπερ καὶ πρότερον), πρεσβείαν δὲ πέμπειν, ἥτις ταῦτ᾽ ἐρεῖ καὶ παρέσται τοῖς πράγμασιν·

La presente circostanza quindi, o Ateniesi, per poco non dice, pronunciando parole, che voi stessi dovete occuparvi di quelle vicende, se davvero vi prendete cura della loro salvezza; noi invece non so quale modo di agire mi pare che teniamo verso di esse.

Sono pertanto queste le cose che a me paiono opportune: decidere già l’aiuto e predisporlo al più presto perché portiate soccorso da qui e non abbiate a patire la stessa cosa di prima, inviare una ambasceria, che dirà queste cose e sarà presente alla situazione.

Olintiaca A - Demostene - Tutta l'opera

release check: 2020-07-14 07:52:39 - flow version _EXTP_H1