Demostene - Sulla Corona 194

εἰ δ’ ὁ συμβὰς σκηπτὸς ἢ χειμὼν μὴ μόνον ἡμῶν ἀλλὰ καὶ πάντων τῶν ἄλλων Ἑλλήνων μείζων γέγονε, τί χρὴ ποιεῖν; ὥσπερ ἂν εἴ τις ναύκληρον πάντ’ ἐπὶ σωτηρίᾳ πράξαντα καὶ κατασκευάσαντα τὸ πλοῖον ἀφ’ ὧν ὑπελάμβανε σωθήσεσθαι, εἶτα χειμῶνι χρησάμενον καὶ πονησάντων αὐτῷ τῶν σκευῶν ἢ καὶ συντριβέντων ὅλως, τῆς ναυαγίας αἰτιῷτο.

ἀλλ’ οὔτ’ ἐκυβέρνων τὴν ναῦν, φήσειεν ἄν (ὥσπερ οὐδ’ ἐστρατήγουν ἐγώ), οὔτε τῆς τύχης κύριος ἦν, ἀλλ’ ἐκείνη τῶν πάντων.

Se l'uragano che è capitato è risultato essere più forte non solo di noi, ma anche di tutti i restanti Greci, cosa bisogna fare? Come se un armatore, che ha fatto tutto il possibile per la salvezza e ha fornito l'imbarcazione di quanto, supponeva, l'avrebbe salvata, poi si fosse imbattuto in una tempesta, in cui gli strumenti gli fossero andati in avaria o anche completamente distrutti, venisse accusato del naufragio.

«Ma non ero io il timoniere della nave» potrebbe dire (come nemmeno io ero stratego) «né ero padrone della sorte, ma è lei ad esserlo di tutto».

release check: 2020-07-14 07:52:38 - flow version _EXTP_H1