Demostene - Sulla Pace 6

[6] Πάλιν τοίνυν, ὦ ἄνδρες Ἀθηναῖοι, κατιδὼν Νεοπτόλεμον τὸν ὑποκριτὴν τῷ μὲν τῆς τέχνης προσχήματι τυγχάνοντ' ἀδείας, κακὰ δ' ἐργαζόμενον τὰ μέγιστα τὴν πόλιν καὶ τὰ παρ' ὑμῶν διοικοῦντα Φιλίππῳ καὶ πρυτανεύοντα, παρελθὼν εἶπον εἰς ὑμᾶς, οὐδεμιᾶς ἰδίας οὔτ' ἔχθρας οὔτε συκοφαντίας ἕνεκα, ὡς ἐκ τῶν μετὰ ταῦτ' ἔργων γέγονεν δῆλον.

O ateniesi, un'altra volta vedendo che l'attore Neottolemo, protetto dall'impunità che gli assicurava la sua professione, arrecava i danni più grandi alla città regolando e dirigendo le vostre decisioni nell'interesse di Filippo, mi sono presentato a parlare e non l'ho mai fatto per personale inimicizia o per atto di delazione, come è risultato palese dai fatti che seguirono.

release check: 2020-07-14 07:50:10 - flow version _EXTP_H1