La Spada di Damocle - Dalla sintassi al testo - Cicerone

La spada di Damocle
dal libro dalla sintassi al testo versione latino Cicerone

Cum Damòcles commemoraret in sermone Dionysii Siracusarum tyranni copias, opes, maiestatem dominatus, rerum abundantiam, magnificentiam aedium regiarum negaretque umquam beatiorem quemquam fuisse, "Visne igitur -inquit- o damocle, quoniam te haec vita delectat, ipse eam degustare et fortunam experiri meam?".

Cum se ille cupere dixisset, conlocari iussit hominem in aureo lecto strato pulcherrimo textili stragulo, magnificis operibus picto.

Tum ad mensam eximia forma pueros delectos iussit consistere eosque nutum illius intuentes diligenter ministrare. Mensae conquisitissimis epulis extruebantur.

Fortunatus sibi Damocles videbatur. In hoc medio apparatu fulgentem gladium e lacunari saeta equina aptum (Dyonisius) demitti iussit, ut impenderet illius beati cervicibus. Itaque nec pulchros illos ministratores aspiciebat nec manum porrigebat in mensam; denique exoravit tyrannum, ut abire liceret, quod iam beatus nollet esse.

Altre versioni con questo stesso titolo da altri libri

Qui trovi la traduzione dal libro Instrumenta

Qui trovi la traduzione libro Nuovo comprendere e tradurre

Qui trovi la traduzione dal libro FORUM

Qui trovi la traduzione del libro Cotidie legere

Qui trovi la traduzione del libro Agite

Quando in un colloquio Damocle magnificava le ricchezze, la forza, il prestigio di monarca, l'abbondanza dei mezzi, lo splendore della reggia di Dionisio, tiranno di Siracusa, e diceva che non era esistito nessuno più felice di lui, [il tiranno] gli disse: <>.

Quando quello gli rispose di desiderarlo (= Alla risposta affermativa), ordinò di stendere l'uomo su un letto d'oro ricoperto di uno splendido drappo damascato con magnifico lavoro.

Allora ordinò di mettere giovani schiavi di non comune bellezza alla mensa, e li fece servire diligentemente osservando il suo cenno. La tavola era rifornita di cibi squisiti. A Damocle sembrava di essere fortunato (= Damocle si riteneva fortunato).

In mezzo a queste magnificenze Dionisio fece appendere al soffitto attaccata con un crine di cavallo una spada scintillante, affinché pendesse sul capo di quest'uomo felice. Pertanto non guardava né quei bei fanciulli né più allungava le mani verso i piatti; alla fine pregò il tiranno di lasciarlo andare via, poiché non voleva più essere felice.

Copyright © 2007-2019 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and Jan Janikowski 2010-2019 ©. All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2019-11-12 14:08:54