Ritratto di un uomo d'altri tempi

Sex. Roscius municeps Amerinus fuit, cum genere et nobilitate et pecunia non modo sui municipii, verum etiam eius vicinitatis facile princeps, tum gratia atque hospitiis florens hominum summe nobilium.

Nam cum Metellis, Serviliis, Scipionibus erat ei non modo hospitium, verum etiam domesticus usus et consuetudo: quas, ut aequum est, familias honestatis amplitudinisque gratiā nomino.

Itaque ex suis omnibus commodis hoc solum filio reliquit; nam patrimonium domestici praedones vi ereptum possident, fama et vita innocentis ab hospitibus amicisque paternis defenditur.

Hic, cum omni tempore nobilitatis fautor fuit, tum hoc tumultu proximo, cum omnium nobilium dignitas et salus in discrimen veniret, eam partem causamque opera, studio, auctoritate defendit.

Sex. Roscio fu cittadino di Amerino, da un lato fiorendo facilmente come il più ragguardevole grazie alla stirpe e alla nobiltà e al denaro non solo del proprio municipio, ma anche di quello del vicinato, dall'altro in virtù della grazia e l'ospitalità degli uomini elevatamente nobili.

Infatti aveva ospitalità non solo con i Metelli, i servili, gli Scipioni, ma aveva anche un'intimità e una consuetudine domestica:

LA TRADUZIONE CONTINUA QUI

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:29:17