Due giovani eroi nell'esercito macedone

Iam Hydaspen flumen Alexander superare decreverat; in altera ripa Porus rex consederat, transitu prohibiturus hostem.

Erant in medio amne insulae crebrae: in eas Indi et Macedones, nantes cum armis super capita levatis, transibant. In Macedonum exercitu temeritate atque audacia insignes fuere Symmachus et Nicanor, nobiles iuvenes;

lanceis modo armati, prompti transnavere in insulam a multis Indis occupatam, multos hostes interfecturi; multos enim Indorum, nulla re praeter audaciam praediti, interemerunt. Abire cum gloria poterant, si umquam temeritas felix inveniret modum;

sed, dum supervenientes contemptim et superbe exspectant, circumventi ab iis qui occulti enataverant, eminus obruti telis sunt. Versione tratta da Curzio Rufo.

Ormai Alessandro aveva deciso di superare il fiume Idaspe; il Re Poro si era stanziato sull'altra riva, per ostacolare il nemico nel passaggio. C'erano al centro del fiume molte isole: gli Indi e i Macedoni, nuotando con le armi sollevate sopra le teste, passavano attraverso queste...(CONTINUA)

LA TRADUZIONE CONTINUA QUI

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-04-29 15:16:45