Demostene, Olintiaca 1.10

καὶ ἔμοιγε δοκεῖ τις ἄν, ὦ ἄνδρες Ἀθηναῖοι, δίκαιος λογιστὴς τῶν παρὰ τῶν θεῶν ἡμῖν ὑπηργμένων καταστάς, καίπερ οὐκ ἐχόντων ὡς δεῖ πολλῶν,...

E a me sembra di certo, o Ateniesi, che se uno, postosi come giudice giusto di ciò che abbiamo avuto dagli dei, anche se molte (delle cose avute)

non vanno come si deve, avrebbe tuttavia, a motivo, una grande riconoscenza verso di loro; da un lato infatti l’aver perso in guerra molte cose giustamente uno l’attribuirebbe alla nostra negligenza, dall’altro il non aver sofferto questo in passato e l’esserci apparsa un’alleanza compensatrice di quelle, se vogliamo sfruttarla, io certo la porrei come prova della benevolenza da parte loro.

Olintiaca A - Demostene - Tutta l'opera

Copyright © 2007-2024 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2024 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2024-01-13 14:57:31 - flow version _RPTC_G1.2