La cerva che esorta il figlio a combattere

ἔλαφον ἡ μήτηρ ἐνουθέτει ταῦτα λέγουσα· «κέρας, ὦ παῖ, παρὰ τῆς φύσεως εἴληφας, μεγέθει δὲ διενήνοχας σώματος· καὶ οὐκ οἶδα ὅ τι παθὼν ἀποδιδράσκεις ἐπιόντας τοὺς κύνας»...

TESTO GRECO COMPLETO

La madre (νουθετέω), consigliava il cerbiatto/cervo dicendo queste cose: "Le corna (κέρας -αος, contr.-ως, τό), o figlio, (ειληφας = perf.λαμβάνω) le hai ricevute da parte della natura.

( Διενηνοχας perf.Διαφέρω ) tu ti distingui per forza/grandezza del corpo e non sei capace (οἶδα pf.di εἴδω con senso di pr.) di subire (πάσχω) i cani che ti assalgono.

Diceva queste cose e si sentiva una corsa di cani di lontano. Quella dopo aver raccomandato al figlio di rimanere immobile preparava lei stessa la fuga. La favola ribadisce che l'esortare è risoluto invece ciò che si fa è difficile.
(by Vogue)

Copyright © 2007-2021 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2021 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2021-11-06 02:19:36 - flow version _RPTC_G1.1