Frasi di latino tradotte by SkuolaSprint

E' noto a tutti che le truppe romane
E.T. Esperienze di traduzione pagina 156
Ea, vos, ego
Ea caedes si crimini datur detur ei cuius interfuit non ei cuius
Ea caedes si crimini datur detur ei cuius interfuit non ei cuius nihil interfuit
Eadem nocte in urbem Troiam Graeci intraverunt
Eadem nocte in urbem Troiam Graeci intraverunt eamque ferro ignique deleverunt
Eadem pugna ambo consules
Ea dux dixit ut cresceret in hostes militum odium
Ea incommoda nobis nimia
Eamus 1 pagina 170 numero 8 - traduzione frasi
Eamus: lucescit iam. Ne difficilia optemus
Eamus lucescit iam
Ea ne me celet consuefeci filium. Ipse Claudius consul patres conscriptos
Ea potius reminiscere, Cicero, quae digna tua persona sunt
Ea quae appellatur aequabilitas iniquissima est, si par
Ea quae exaudio, patres conscripti, dissimulare non possum. Belgae proximi sunt Germanis
Ea quae exaudio patres conscripti, dissimulare non possum
Ea quae volumus credimus libenter
Ea tempestate in exercitu nostro fuere complures novi
Ea vita beata est quae est eadem honesta
Ecce optimi viri, ea quae
Ecce optimi viri ea quae
Ecce optimi viri ea quae saepissime inter me et Scipionem de amicitia disserebantur, Augustus quidem
Ecquid fecisti? Quo vadis? Cur nobiscum non venitis
E curia rediens Caesar per forum
Edemus, edebat, es
E domo mea pervenio
E domo mea pervenio. Domo profugus, is multas terras
Efesto dio del fuoco crea Pandora con l'argilla, la ragazza procura agli uomini terribili sciagure
Effice ut valeas. Ne id facias a te peto
Effice ut valeas. Ne id facias a te peto. Statuitur ne sit Creta provincia
Efficiam ut ii rem non ignorent. Fortasse verum est ut olim homines
Efficiam ut ii rem non ignorent. Fortasse verum est ut olim homines
Effugere nemo id potest, quod futurum est. Dux te oppugnaturus
Effugere nemo id potest quod futurum est. Dux te est oppugnaturus
Effugiet mortem quisquis eam contempserit. Quaecumque in mundo sunt haec hominis causa Deus effecisse
E foro perveniebant nostram domum gemitus et clamores. Filius tuus est apud me
Egli aveva cominciato, tu eri ritornato, noi avevamo dato
Egli avrà trasportato, essi avranno temuto
Egli desiderava, noi eravamo desiderati, tu eri rapito
Egli era, essi erano, tu dormivi, voi ammonivate
Egli era vinto, essi erano riposti, tu eri trovato
Egli intraprese, voi avete ricevuto
Egli reca, tu riportavi, tu apporti
Egli sarebbe amato, che egli fosse amato, che noi dicessimo
Egli sarà, essi saranno, tu dormirai
Egli sarà, essi saranno, tu dormirai, voi ammonirete
Egli sarà stato placato, io ero stato consultato
Egli sarà terrorizzato, essi saranno supplicati, io sarò battuto, tu sarai disprezzato
Egli va, noi andavamo, voi andate
Egli va, tu andrai, essi andranno
Egli veniva meno, voi sarete portati via, essere ricevuto
Egli è amato, voi siete stati uditi, noi siamo caduti
Egli è salvato, essi sono riposti, tu sei obbedito
Egli è stato sul punto di venire, essa è in procinto di imitare. Voi sareste destinati a
Ego adhuc orae maritimae
Ego adhuc orae maritimae praesum, A turba te quantum potes
Ego ad te ob gravem causam scribo. Quoniam mihi nullum
Ego Corintho venio
Ego Corintho venio, vos Athenis. Nobis multi amici sunt. Socii vobis
Ego dico, tu facis. Nos scribimus
Ego diebus octo cum Lepidi copiis me coniungam. Romani Albanis bellum
Ego esse et bibere amo. Corbitam cibi comesse
Ego et Calvisius te accusamus. Quintus misit filium accusatorem
Ego has litteras prid. Nonumero Quint. proficiscens Athenis dedi, cum ibi decem
Ego illic non eram vos autem eum interrogare
Ego Insubres vidi! Marcellus Insubres vicit
Ego lenitatem et misericordiam quibus me natura ipsa instruxit
Ego libertatem peperi
Ego litteras Graecas senex didici et avidi arripui, quasi diuturnam
Ego me Phidiam esse mallem quam
Ego nec iniustitiam fero
Ego nec iniustitiam nec arrogantiam fero. Sapiens adversam fortunam aequo
Ego nec iniustitiam nec arrogantiam fero. Sapiens adversam fortunam aequo animo
Ego poeta sum et, ut spero, non humillimi spiritus. Maxima est vis vetustatis et consuetudinis
Ego quoque volo esse liber
Ego rus ibo atque ibi manebo
Ego rus ibo et ibi manebo. Scipio flumen
E Graecia in Italiam
E Graecia in Italiam multi poetae
E Graecia in Italiam multi poetae et philosophi veniunt
E ligno equum Graeci aedificaverunt
E nostris complures a Galli de improviso vulnerati proelio
E te iter quaero. Certa mittimus dum incerta petimus
È arrivato il momento delle redde rationem. Sulla soglia
È dovere dei cittadini rispettare le leggi. L'audacia è propria dei giovani
È dovere del console comandare, è compito dei soldati obbedire
È famosa la laboriosità degli agricoltori
È giusto che tutti obbediscano alle leggi. Ero certo che tu studiassi
È giusto che voi ammoniate i vostri figli, affinché osservino
È giusto che voi ammoniate i vostri figli, affinché osservino le leggi. Si sa (constat) che Omero narrò la guerra
È il momento di parlare della diffusione
È ingiusta anche la guerra che viene iniziata per una causa giusta. Achille uccise
È ingiusta anche la guerra che viene iniziata per una causa giusta. Achille uccise Ettore
È ingiusta anche la guerra iniziamo per una causa giusta. Achille uccise Ettore
È l'ora della battaglia. I poeti scrivono
È noto a tutti che le truppe Romane furono sterminate da Annibale
È stato chiamato, è stato chiuso, è stato abbandonato
È stato tramandato che l'Eneide fu letta ad Augusto da Virgilio stesso. A tutti è noto che la guerra di Troia è

Copyright © 2007-2022 SkuolaSprint.it di Anna Maria Di Leo P.I.11973461004 | Tutti i diritti riservati - Vietata ogni riproduzione, anche parziale
web-site powered by many open source software and original software by Jan Janikowski 2010-2022 ©.
All trademarks, components, sourcecode and copyrights are owned by their respective owners.

release check: 2022-01-16 00:40:19 - flow version _RPTC_G1.1